Armi e bagagli

ARMI E BAGAGLI: STRATEGIE DI VIAGGIO

Come ho già accennato nei miei racconti, lo zaino è il nostro più fedele compagno di avventura, sia nella fase di allenamento, sia in quella di gara. La sua preparazione è quindi fondamentale e se alcuni dettagli possono variare da atleta ad atleta, ci sono alcuni beni irrinunciabili che ho qui segnalato con un asterisco.

– Zaino*: dopo alcuni tentativi con uno zaino posteriore,  alla fine ho optato per un modello altamente tecnico, suddiviso  in due parti: una  dorsale e una ventrale che permettono un miglior  bilanciamento del carico e una maggiore gestione delle scorte per il consumo immediato o del materiale d’uso  (barrette, macchina foto, roadbook, crema solare). Per alcuni atleti peraltro, questo assetto presenta alcuni svantaggi tra cui la sensazione di impedimento alla respirazione

– Sacco a pelo* e materassino (ne uso uno sottile in gomma espansa che ritaglio delle dimensioni del mio busto)

– N. 2 pile frontali * e luce rossa intermittente per lo zaino*

– Bussola *, spille di sicurezza*, coltellino*, fischietto*, telo alluminio*

– Crema solare*, medicinali* (Antinfiammatori), gel disinfettante*, benda compressiva per fasciature*, carta igienica *, spazzolino e dentifricio

– Kit per vesciche dei piedi*: se siete fortunati come me, si tratterà di una remota eventualità, che però deve essere prevista: nel caso, bisogna armarsi di pazienza e perizia quasi certosine e procedere alla bucatura all’interno della quale occorrerà poi lasciare un filo di cotone  Che ne permette il (casalingo ma efficace) drenaggio. Il kit ideale dunque deve prevedere: filo, disinfettante, lametta, tagliaunghie e alcuni Compeed.

– Giacca antivento*, pantaloncino corto e lungo*,maglia manica corta e lunga*, micropile , mutande, buff: serve per coprire sia la testa che il viso

– Scarpe*: io utilizzo un paio di scarpe da trail running, che scelgo sempre due numeri più grandi del mio in previsione del normale rigonfiamento del piede a partire dal secondo giorno di gara.

– Calze*: in considerazione dei terreni di corsa (sabbia o fango) ne porto un paio per giorno

– Cappello* e guanti*: non sottovalutate mai l’escursione termica desertica: le notti sono freddissime sulla sabbia fina a poche ore prima rovente e, per quanto inimmaginabile  una fascia per le orecchie ed un paio di guanti  possono rivelarsi oltremodo piacevoli.

– Occhiali da sole*

– Cibo* 14000 Kcal, barrette/gel energetici*, sali minerali, elettroliti*: sebbene li assuma raramente  certi casi si rivelano indispensabili

– Posate*: uso un cucchiaio di titanio, la forchetta non serve

– Contenitore per l’acqua*: io sono affezionato alle mie due borracce ma molti hanno  un CamelBack da almeno 1,5 litri

– Fogli e matita per scrivere il diario

– Tappi di cera per le orecchie

– Macchina fotografica

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *